Tutti lo sanno, il nuovo film di Asghar Farhadi - Intervista a Penelope Cruz
Giovedì 4 Ottobre 2018

Tutti lo sanno, il nuovo film di Asghar Farhadi - Intervista a Penelope Cruz

Al cinema dall’8 novembre

Antonio Galluzzo
scarica l'articolo in formato pdf

Un cast stellare e internazionale per Tutti lo sanno, film diretto dal due volte Premio Oscar Asghar Farhadi (Una separazione, Il cliente) e con protagonisti gli attori Premio Oscar Penelope Cruz e Javier Bardem, che arriverà in sala l’8 novembre dopo aver inaugurato l’ultimo Festival di Cannes. Nel cast anche l’attore argentino Ricardo Darìn, noto per la sua interpretazione ne Il segreto dei suoi occhi e in Storie pazzesche. Un thriller psicologico dove niente è come appare e dove bugie e rancori si celano anche laddove può sembrare di essere al sicuro. Il film sarà distribuito da Lucky Red.

Sinossi: In occasione del matrimonio della sorella, Laura torna con i figli nel proprio paese natale, nel cuore di un vigneto spagnolo. Ma alcuni avvenimenti inaspettati turberanno il suo soggiorno facendo riaffiorare un passato rimasto troppo a lungo sepolto.

Intervista a Penelope Cruz

Come ha incontrato Asghar Farhadi?
Mi piacevano molto i film di Asghar, soprattutto Una separazione, che secondo me è un capolavoro. Asghar mi ha chiamato e mi ha detto che aveva voglia di girare un film in Spagna e che pensava a me per un ruolo. La telefonata di quest'uomo è stata una delle sorprese più belle che abbia ricevuto in tutta la mia carriera. Lo ammiro moltissimo, è uno dei più grandi registi viventi. È un uomo buono, brillante, con una sensibilità fuori dal comune.

Che ha pensato quando ha letto la sceneggiatura?
Asghar mi ha parlato di questo progetto circa cinque anni fa, anche se da allora la storia è molto cambiata. Ma da quando io e Javier abbiamo accettato di fare il film, Asghar ci ha sempre tenuto al corrente dei suoi sviluppi, passo dopo passo. La cosa più interessante, comunque, era quello che gli interessava raccontare attraverso questa storia.
In un certo senso, la famiglia del film è una sorta di metafora di quello che accade intorno a noi.
Come dice la poesia di Djalal al-Din Roumi che ho scoperto durante le riprese del film grazie a un altro amico iraniano, “se un membro della famiglia soffre, tutti soffrono”. Per me, questa poesia racchiude il senso del film. E in effetti, quando ne ho parlato con Asghar, mi ha detto che la conosceva e che gli era tornata in mente proprio la sera prima. Abbiamo avuto molti momenti così durante le riprese.

Chi è Laura?
Laura è una donna che non ha avuto una vita facile. Ha dovuto prendere decisioni difficili, che coinvolgevano altre persone, e questo le pesa. Ognuno di noi si trascina dietro un bagaglio pieno di esperienze e di traumi. Alcuni di noi più di altri. Laura è una donna che vive con un segreto, e che all'improvviso si ritrova ad affrontare un vero e proprio dramma. Questo la costringe a rivelare il suo segreto e quindi a fare riemergere una serie di cose sepolte che dovevano pesarle enormemente. Per lei è un trauma. È stato senz'altro il personaggio più difficile che io abbia mai dovuto interpretare.

Ci sono stati momenti in cui si è identificata con Laura?
Non mi sono posta il problema. Non sono tenuta ad essere d'accordo con lei, ad amare la sua personalità, il suo carattere, quello che fa o quello che non fa. Non sono tenuta a giustificare le sue azioni, devo solo capirla fino in fondo. E credo di esserci riuscita perché il ruolo è molto ben scritto. Tutti i personaggi del film sono complessi e sfaccettati, ognuno ha un suo spessore umano. Non ci sono buoni o cattivi: è come nella vita reale, le cose sono sempre molto più sfumate di come appaiono.

Come sono andate le riprese con Farhadi?
Benissimo. Le riprese sono durate circa quattro mesi. E in quattro mesi ne succedono di cose! Asghar è molto esigente, ma è anche un ottimo maestro. Chiede molto, ma con tatto. Ti fa venire voglia di dare il massimo. È una fonte continua di ispirazione. Ti apre delle porte per farti andare dove vuole lui. E lo fa con eleganza perché è un vero artista. Una persona geniale, un essere a parte, dotato di una straordinaria sensibilità. Le persone come lui sono rare. Ne ho incontrate poche da quando faccio questo mestiere, e quando succede ti accorgi subito che quella persona è diversa dalle altre. Riesce a toccare le corde più profonde quando racconta una storia. E lo fa con grande umiltà. Ai miei occhi è molto più che un semplice regista.

tutti_lo_sanno
tutti_lo_sanno
tutti_lo_sanno
tutti_lo_sanno
  • TUTTI LO SANNO | Trailer Ufficiale Italiano

Consigliati da SpettacoliNews

scopri tutto
Venerdì 14 Dicembre 2018 ore 17:40:39
Classifica Album Fimi @LauraPausini @mengonimarco @CremoniniCesare @sferaebbasta @Salmolebon https://t.co/vSy50Evabf
Venerdì 14 Dicembre 2018 ore 16:21:49
I @CiuffiRossi protagonisti della puntata di #GulpMusic sabato 15 dicembre, alle 17.55, su @RaiGulp presenteranno i… https://t.co/zMyIyFshdk

Mailing List