Storia di un impiegato visto al Teatro Libero
Lunedì 28 Maggio 2018

Storia di un impiegato visto al Teatro Libero

L’album di Fabrizio De André prende vita in scena attraverso il monologo di Francesco Leschiera e la musica dal vivo

Valeria Prina
scarica l'articolo in formato pdf

Dalle critiche più feroci e negative alla ammirazione più sconfinata. È quanto è successo al concept album Storia di un impiegato di Fabrizio De André. Tra i due giudizi, così diametralmente opposti, passano una ventina d'anni. Un'altra trentina d'anni dopo l'album diventa protagonista di uno spettacolo teatrale che prende il titolo dall'album e miscela musica e parole: la prima riarrangiata è quella di Fabrizio De André, le parole ci portano all'oggi, attraverso l'interpretazione di Francesco Leschiera, ora a Milano al Teatro Libero.

L'album è del 1973 e vede protagonista un impiegato che sente una canzone che parla del maggio ‘68 francese. A distanza di alcuni anni nel nostro Paese quelle istanze rivoluzionarie hanno preso una piega differente e siamo arrivati alla violenza terroristica, che ha soffocato lo spirito rivoluzionario del ‘68. Ecco dunque il giudizio negativo dell'album dato all'uscita, che del resto lo stesso De André ha lungamente non amato. Con gli occhi di oggi il giudizio cambia e soprattutto emerge quel desiderio di sottrarsi a un opposto imborghesimento. Così il personaggio incarnato da Francesco Leschiera è un impiegato di oggi, uomo comune insoddisfatto, che medita una ribellione bombarola, da mettere in pratica durante la festa aziendale natalizia.

I due piani - quello dell'oggi e quello dell'album di Fabrizio De André - si intersecano ottimamente attraverso il monologo di Francesco Leschiera e la musica eseguita dal vivo da Fabio Bagnato (chitarre e voce), Walter Bagnato (pianoforte, fisarmonica, voce), Umberto Gillio (batteria), Guido Bistolfi (basso).

Alla fine le parole di Fabrizio De André - «Per quanto voi vi crediate assolti / Siete lo stesso coinvolti» - cantate in scena rimangono negli spettatori come qualcosa da considerare ancora oggi. Insieme però è facile cogliere un velo di ironia nei confronti di chi vorrebbe cambiare il mondo, cambiare la propria vita, ma non trova di meglio che proclamarsi bombarolo.

Storia di un impiegato
da Fabrizio De André
drammaturgia Antonello Antinolfi
regia Francesco Leschiera
con Francesco Leschiera, Fabio Bagnato (chitarre e voce), Walter Bagnato (pianoforte, fisarmonica, voce), Umberto Gillio (batteria), Guido Bistolfi (basso)
scene e costumi Paola Ghiano e Francesco Leschiera, luci Luca Lombardi, assistente alla regia Alessandro Macchi
produzione Teatro del Simposio e A3 Apulia Project
a Milano al Teatro Libero dal 24 al 29 maggio 2018

Storia di un impiegato visto al Teatro Libero

Consigliati da SpettacoliNews

scopri tutto

Articoli Correlati

scopri tutto
Lunedì 23 Settembre 2019 ore 11:51:19
Super! Musica con…@EmmaMuscatMusic! Ospite dello speciale Biondo https://t.co/IbjEh9T8MA https://t.co/BN3eInRzqS
Lunedì 23 Settembre 2019 ore 11:44:15
Notre Dame De Paris: annunciate nuove date in tutta Italia https://t.co/GM9hUBcGXw https://t.co/Yx1RM0Ac4k

Mailing List