Sguardi a fior di pelle, la mostra fotografica che parla di evoluzioni
Lunedì 19 Ottobre 2020

Sguardi a fior di pelle, la mostra fotografica che parla di evoluzioni

A Milano al Centro Culturale curata da Roberto Mutti

Valeria Prina
scarica l'articolo in formato pdf

131 anni di fotografia, altrettanti anni di evoluzione tecnologica e di voglia di guardare il mondo e di coglierne le sfumature, ma sempre senza sacrificare la qualità dell’immagine. E’ quanto traspare dalla mostra fotografica Sguardi a fior di pelle, esposta al Centro Culturale di Milano fino al 25 ottobre 2020, nell’ambito della 15ª edizione di Photofestival. Questa propone un parallelo con la evoluzione di una azienda farmaceutica come Giuliani, che negli anni è passata dagli inizi con la creazione di una formula di straordinario successo fino alla apertura ad altri marchi e ad altri prodotti, sempre con una costante ricerca in nome del benessere degli utilizzatori. Entrambe negli anni hanno cambiato pelle, ma senza mai perdere di vista la qualità e la salute della persona. La mostra curata da Roberto Mutti ripercorre tutti questi anni partendo da una foto del 1889, che segna anche l’esordio di quella che sarebbe diventata l’azienda farmaceutica Giuliani: entrambe compiono i primi passi e la foto esposta con l’Arco della Pace di Milano realizzata da Giorgio Sommer dimostra già una qualità altissima in fatto di definizione e profondità di visione. Si chiude con la foto realizzata a Parigi nel 2020 da Giancarla Pancera che permette di immaginare anche più di quanto mostra. In mezzo oltre 50 foto che nella esposizione fotografica sono suddivise per temi - human, nudo, paesaggio, ricerca, urban - e consentono di cogliere davvero l’evoluzione della fotografia grazie a foto famose di autori italiani e internazionali, accanto ad altre che giocano sulla ricerca e sul coinvolgimento dell’osservatore invogliato a guardare anche oltre. Sono tanti sguardi differenti che segnano l’evoluzione della fotografia, ma anche di chi guarda e da questa si aspetta racconti, suggerimenti, emozioni. Il catalogo che accompagna la mostra invece segna più marcatamente un parallelo tra l’evoluzione della fotografia e l’evoluzione dell’azienda Giuliani, che è anche una evoluzione in termini di risposta alle sempre nuove esigenze del pubblico.

«La mostra – è quanto si legge come conclusione - presenta alcune tappe che fanno della fotografia un prodotto dell’ingegno sia dal punto di vista estetico che tecnico, passando dalle stampe all’albumina a quelle all’alogenuro d’argento, dalle tante tecniche del colore alle più recenti legate al mondo digitale, ed è anche in parallelo il racconto della capacità di ogni sistema produttivo di trasformarsi, come Giuliani, che nel video e nel catalogo che accompagnano la mostra celebra la sua storia fatta di innovazioni, dal 1889 ai giorni nostri».

Nelle foto, di Roberto Polillo - John Coltraine Quarter, Milano, 1962; di Franco Fontana - Los Angeles, 2003; di Mario Dondero - Jean Seberg, 1959

Sguardi a fior di pelle
Sguardi a fior di pelle

Consigliati da SpettacoliNews

scopri tutto

Articoli Correlati

scopri tutto
Domenica 29 Novembre 2020 ore 22:31:43
La discussione tra Elisabetta Gregoraci, Andrea Zelletta e Pierpaolo Pretelli in sauna #GFVIP https://t.co/ayMZ2ZuNkZ
Domenica 29 Novembre 2020 ore 21:54:15
Andrea Zelletta: “Mi sento escluso”. Pensando all’amicizia tra Enock e Pierpaolo, Andrea si sente messo un po’ da p… https://t.co/WQDHw3Bek8

Mailing List