Pandora del Teatro dei Gordi visto al Teatro Franco Parenti
Venerdì 2 Ottobre 2020

Pandora del Teatro dei Gordi visto al Teatro Franco Parenti

Il nuovo spettacolo è ambientato in un bagno, dove si svelano comportamenti imprevedibili

Valeria Prina
scarica l'articolo in formato pdf

Questa volta niente maschere (almeno sul palcoscenico) in Pandora, il nuovo spettacolo del Teatro dei Gordi, a Milano al Teatro Franco Parenti. Ma, grazie a un continuo cambio di costumi, i sei attori si moltiplicano in un numero infinito di personaggi. A fare da ambientazione è un bagno pubblico, dove si legge la tradizionale indicazione (in inglese) «lasciami come mi hai trovato». Unico aspetto tradizionale, perché il bagno, promettendo una certa intimità, induce a comportamenti meno abituali in altri luoghi o che si vorrebbe tenere nascosti. Così questo bagno diventa un microcosmo, dove tutto l’imprevedibile può succedere, per il divertimento del pubblico che ride lungamente, ma è anche indotto a riflettere. Si ride fin dal primo momento di fronte a chi si lava ossessivamente le mani, proprio come ci hanno insegnato a fare in tempi di covid, e non tocca nulla a mani nude, non coperte con la carta igienica, finché però gli succede qualcosa (che non vi sveliamo). Per lui è un problema che trova soluzione solo negli ultimi minuti, riportandoci così a un mondo che si vuole igienizzato al massimo.

Si riflette davanti al personaggio che arriva in bagno, si toglie l’abito da sera, toglie la parrucca, indossa pantaloni maschili, ma ha dimenticato le scarpe e deve uscire con i tacchi, venendo così squadrato da chi entra in bagno. Vediamo un campionario assortito di comportamenti anomali, imprevedibili, fobici e ossessivi, personaggi strani o assolutamente sopra le righe in questo bagno che ci si aspetterebbe fosse un luogo al riparo da occhi indiscreti (ma improvvisamente potrebbe non esserlo più). Qui si pensa di poter dare sfogo a momenti di ira o passioni segrete o addirittura inconfessabili, senza bisogno di parole – chi parla in bagno? -, ma con suoni, musica, vecchie canzoni.

Con Pandoracontinua la proposta di spettacoli non convenzionali da parte del Teatro dei Gordi, come suggerisce il nome scelto, un plurale italianizzato di un termine spagnolo, «Gordo», che significa, oltre che «grasso», anche «importante». I loro, infatti, sono spettacoli su temi rilevanti raccontati però in modo decisamente non tradizionale.

Lo spettacolo, presentato in prima assoluta alla Biennale di Venezia 2020, il 17 settembre, ha però conosciuto il suo più vero debutto proprio al Teatro Franco Parenti, perché, ricorda la compagnia, è qui che lo spettacolo è nato.

Pandora rientra nella rassegna Campo Aperto, che durante tutta la stagione 2020-2021 del Teatro Franco Parenti vuole proporre artisti e compagnie note e meno note, soprattutto giovani.

Pandora
Uno spettacolo di Teatro dei Gordi
ideazione e regia Riccardo Pippa
di e con Claudia Caldarano, Cecilia Campani, Giovanni Longhin, Andrea Panigatti, Sandro Pivotti, Matteo Vitanza
dramaturg Giulia Tollis
maschere e costumi Ilaria Ariemme, scene Anna Maddalena Cingi, disegno luci Paolo Casati, cura del suono Luca De Marinis, responsabile tecnico Alice Colla
scene costruite presso il laboratorio scenotecnico del Teatro Franco Parenti, costumi realizzati presso la sartoria del Teatro Franco Parenti diretta da Simona Dondoni
produzione Teatro Franco Parenti / Teatro Stabile di Torino / Fondazione Campania dei Festival in collaborazione con Teatro dei Gordi
foto di Noemi Ardesi; durata 65 minuti
a Milano, al Teatro Franco Parenti (Sala Grande), 1 - 4 ottobre 2020

Pandora

Consigliati da SpettacoliNews

scopri tutto

Articoli Correlati

scopri tutto
Mercoledì 21 Ottobre 2020 ore 15:44:31
Shalpy pubblica la sua canzone per il Natale, "Let it snow" sarà disponibile dal 28 Ottobre per il mercato internaz… https://t.co/7VGbeo79Fc
Mercoledì 21 Ottobre 2020 ore 15:37:18
Alfonso Signorini: lunedì prossimo entreranno al “GFVIP” tre nuovi concorrenti che faranno cadere molte maschere e… https://t.co/ZUaied7dcX

Mailing List