Mollami: in anteprima ad Alice nella Città la nuova commedia Sky Original diretta da Matteo Gentiloni
Lunedì 21 Ottobre 2019

Mollami: in anteprima ad Alice nella Città la nuova commedia Sky Original diretta da Matteo Gentiloni

In prima TV domenica 24 novembre alle 21.15 su Sky Cinema Uno

Antonio Galluzzo
scarica l'articolo in formato pdf

Presentata ad Alice nella città, la sezione autonoma e parallela della Festa del Cinema di Roma dedicata alle giovani generazioni, la nuova produzione originale Sky Mollami, il road movie young adult dalle inaspettate venature fantasy che sarà trasmesso in prima TV domenica 24 novembre alle 21.15 su Sky Cinema Uno.

Mollami è una commedia Sky Original che vede alla regia Matteo Gentiloni, che esordisce dietro la macchina da presa di un lungometraggio e firma la sceneggiatura con Andrea Agnello, Daniela Gambaro e Federico Fava. Oltre al regista, anche la protagonista Martina Gatti è al suo primo film e sarà accompagnata da Alessandro Sperduti. Nel cast anche Maria Chiara Giannetta, Caterina Guzzanti e Gian Marco Tognazzi, oltre a Neri Marcorè che presta la voce a Renato.

Valentina ha 17 anni, molti problemi, tanti casini e un senso di colpa unico. Unico perché, da quando il fratellino è morto tuffandosi da una scogliera per una sfida con lei, si trova a convivere con Renato, un enorme pupazzo “morbidoso” che solo lei può vedere. Per farlo sparire e stare tranquilla almeno un attimo, si droga con la PCP, un oppiaceo derivato dalla morfina. Ma forse stavolta ha oltrepassato il limite: ha infatti diffuso intenzionalmente un proprio video hard che è diventato immediatamente virale, troppo virale. Per questo il padre, prestigioso avvocato della capitale, decide di mandarla per il resto dell’anno scolastico in un collegio austriaco per punirla e per allontanarla in un momento così “imbarazzante”. Valentina e il padre hanno da sempre un rapporto difficile: non l’accompagnerà nemmeno al collegio, ma incarica un suo praticante di farlo. Si tratta di Antonio, lo schiavo dell’ufficio, uno sfigato che sopporta le umiliazioni del padre di Valentina nella vaga e vana speranza di una promozione. Così inizia il viaggio in auto dei nostri due protagonisti, o meglio tre, Valentina e Antonio non saranno soli, saranno accompagnati nel loro viaggio da un terzo incomodo tanto indesiderato quanto ingombrante, l’esuberante e peloso Renato, unica vera costante nella vita di Valentina. Ciò che la ragazza però ancora non sa è che Antonio non la sta portando in collegio, ma in un centro di riabilitazione. Di sicuro quando lo scoprirà per Antonio non sarà facile contenerla.

I PERSONAGGI

Valentina, 17 anni, viene spedita in un rehab in Austria, dopo che un sex tape che la vede protagonista, diventa vi­rale. In realtà suo padre, il rigido av­vocato Cordiale, non ne può più dei comportamenti di Valentina e ha in­caricato uno dei suoi giovani prati­canti, Antonio, di accompagnarla in macchina da Roma, fingendo che si tratti di un trasferimento in collegio. Il vero motivo invece è che Valentina fa uso quotidiano di PCP, una dro­ga sintetica, per cercare di dimenti­care un trauma della sua infanzia e soprattutto di mandare via Renato, il pupazzo blu peloso di due metri che vive nella sua testa.

Antonio, 28 anni, è un praticante av­vocato sottopagato e sfruttato da Cordiale. Sul lavoro cerca di farsi af­fidare un incarico importante e l’oc­casione per consolidarsi agli occhi del capo è quella di accompagnare la figlia ribelle in un centro per disin­tossicarsi in Austria. Ma la missione si rivela più complessa del previsto: Valentina riesce a scappare costan­temente dal suo controllo. Nel viag­gio Antonio dovrà fare i conti con la sua integrità e mettere in discussione per la prima volta in vita sua che tipo di uomo vuole diventare.

Renato è un pupazzo blu di due metri che vive nella testa di Valentina prati­camente da sempre. Solo lei può ve­derlo. È cinico, cattivo, piuttosto sboccato nel linguaggio, è iper­trofico, ha sempre voglia di mangiare, di toccare Valentina e darle fastidio in generale. Non manca mai di ricor­dare a Valentina che è colpa sua se suo fratello sia morto mentre stava­no giocando insieme da piccoli. Qualunque tentativo di Valentina di uccidere Renato negli anni si è rive­lato un buco nell’acqua. Ma forse questa è l’ultima avventura per get­tarselo definitivamente alle spalle.

Cordiale, il papà di Valentina, è un importante avvocato romano che gestisce un grande studio legale. Quando scopre che un sex tape del­la figlia è diventato virale, decide di spedirla a sua insaputa in un rehab per disintossicarla dal PCP, una dro­ga sintetica. All’apparenza, sembra essere un uomo troppo cinico e oc­cupato per occuparsi degli altri, ma in realtà nasconde la sua umanità.

Elena è la storica fidanzata di An­tonio. Come lui, lavora come prati­cante nello studio legale di Cordiale, ma sembra essere preferita rispetto ad Antonio.

Elisabetta è la mamma di Valentina. Ha abbandonato la famiglia dopo la tragedia del figlio e non ha più cerca­to di contattare la figlia e l’ex marito. Ha cercato di rifarsi una vita il più normale possibile in un paesino del­la Puglia. Sta con un altro uomo e fa la parrucchiera. Nasconde una fragi­lità psicologica e affettiva forse insor­montabile.

"Se ripenso oggi al percorso che ha portato Mollami dal soggetto al film, ho l’impressione che tutto si sia sviluppato attorno all’idea del per­sonaggio di Renato, il senso di colpa di Valentina: un mostro blu elettrico, tanto “coccoloso” quanto asfis­siante, inopportuno, molesto - racconta il regista Matteo Gentiioni. Come se prima venisse lui, e poi tutto il res­to. No, non è andata proprio così, come direbbe Valentina. La prima volta che ho letto il soggetto, ormai quasi quattro anni fa, la morte del fratello non c’era, così come tutte le conseguenze che ne scaturiscono. E non c’era Renato. Abbiamo inizia­to ad arricchire il film, stesura dopo stesura, di temi e conflitti più profon­di, accettando la sfida di trattarli con un tono divertito e a volte spensiera­to. Ma come raccontare i pensieri e il conflitto interiore di Valentina senza sembrare pretenziosi e appesantire la storia? Come renderli chiari sen­za essere didascalici? Ecco, solo in quel momento è arrivato Renato: ci ha permesso di far interagire Valenti­na con il suo senso di colpa, in modo originale, strappandoci al tempo stesso un sorriso. Quindi, non posso dire che tutto sia partito da lui, ma di sicuro Renato ci ha permesso di ripensare completamente il film, e di farlo rivivere, non solo dal punto di vista narrativo. È stato infatti anche l’ispirazione per la maggior parte de­gli aspetti visivi che caratterizzano il film.Ho voluto immaginare che la sua presenza avesse contaminato il mondo di Valentina: per questo il blu del pelo viene ripreso sia in fase di color correction (virando i toni grigi verso il blu), così come da numerosi elementi scenografici e dalla presen­za costante di specchi d’acqua, al­tro leitmotiv tematico importante del film. Dal punto di vista del linguaggio, invece, ho cercato di allontanarmi dagli stereotipi con cui vengono rac­contate oggi molte storie giovanili. Al disordine come cifra stilistica e ban­diera dell’autenticità, ho preferito un approccio più classico, composto e formale. Ho voluto inoltre evitare in tutti i modi la presenza di effet­ti digitali, senza tuttavia rinunciare ad alcuni elementi di modernità. Per questo le frasi che commentano e accompagnano il film non sono mai grafiche in sovrimpressione ma diventano elementi diegetici all’in­terno delle scene -conclude il regista Matteo Gentiioni".

Mollami: in anteprima ad Alice nella Città la nuova commedia Sky Original diretta da Matteo Gentiloni

Consigliati da SpettacoliNews

scopri tutto
Domenica 17 Novembre 2019 ore 18:42:44
HARPY BABY TO YOU! #domenicalive #spettacolinews #giucascasella #happybirthday #buoncompleanno #barbaradurso https://t.co/uOyqLP9ITR
Domenica 17 Novembre 2019 ore 16:13:46
Ornella Vanoni show su Rai1: “Non si vede un ca**o” 🤣🤣🤣 #Spettacolinews #OrnellaVanoni #UnaStoriaDaCantare https://t.co/OX91FjhB5I

Mailing List