La Mélancolie des dragons visto alla Triennale Teatro dell’Arte
Sabato 6 Ottobre 2018

La Mélancolie des dragons visto alla Triennale Teatro dell’Arte

In scena lo spettacolo di Philippe Quesne, che apre alla grande la stagione 2018/2019

Valeria Prina
scarica l'articolo in formato pdf

Un'auto con rimorchio in una atmosfera tutta bianca, contornata da alberi scheletriti accoglie gli spettatori di La Mélancolie des dragons di Philippe Quesne in scena per due serate a Milano alla Triennale Teatro dell’Arte. All’interno dell’auto, quattro ragazzi, che si muovono al ritmo di musiche sempre diverse. Il pubblico ha tutto il tempo per chiedersi chi sono, perché sono lì fermi, ma anche che cosa l'autore vuole raccontarci. Presto però si capisce che non è un racconto quello che prende vita davanti agli spettatori. Tutti gli elementi – aria, acqua, fuoco, luce, suoni - sono coinvolti, ma non sono in funzione di un racconto. Piuttosto sono le reazioni di Isabelle, che avrebbe dovuto (invano) riparare la Citroen guasta, a diventare protagoniste, con tutta la sua ingenuità e la capacità di stupirsi davanti agli elementi che saranno parte di un Parco Divertimenti. Sono risultati di musiche molto diverse, di varie macchine, da quella per le bolle a quella per il fumo, alle plastiche che si gonfiano, fino al proiettore che tradisce la sua funzione legata allo spettacolo che sta andando in scena. E fino alle parrucche, che aiutano i performer a incarnare un gruppo rock.

Sono elementi che arrivano fino in sala e compongono uno spettacolo folle, visionario, in grado di affascinare per la capacità di fare spettacolo e catturare gli spettatori senza l'ausilio del racconto, solo muovendosi sul filo dello stupore. Così è lo spirito di Antonin Artaud ad aleggiare sempre più forte sullo spettacolo, fino a concretizzarsi nel nome che avrà il Parco dei Divertimenti: dopo varie proposte, da Da Vinci a Dürer, a Parco Sempione, proiettato sulla parete compare il nome Parco Antonin Artaud, che è poi quello che si è materializzato davanti agli spettatori.

Lo spettacolo inaugura alla grande la stagione 2018/2019 di Triennale Teatro dell'Arte con la curatela artistica di Umberto Angelini.

La Mélancolie des dragons

testo, regia e set design: Philippe Quesne con Isabelle Angotti, Rodolphe Auté, Joachim Fosset, Cyril Gomez-Mathieu, Sébastien Jacobs, Victor Lenoble, Émilien Tessier e Gaëtan Vourc’h 
produzione originale: Vivarium Studio spettacolo in francese sovratitolato in italiano, durata 80’

a Milano, Triennale Teatro dell’Arte, 5-6 ottobre 2018

 

Mélancolie
Mélancolie
Mélancolie

Consigliati da SpettacoliNews

scopri tutto

Articoli Correlati

scopri tutto
Domenica 18 Novembre 2018 ore 17:36:33
La sorella di Icardi a #DomenicaLive: "Non parlo con più con Mauro e con sua moglie Wanda Nara, ma non so il perchè… https://t.co/LCVjOsnqwV
Sabato 17 Novembre 2018 ore 13:45:54
#DomenicaLive: tra gli ospiti di @carmelitadurso domenica 18 novembre Vittorio Cecchi Gori con Rita Rusic… https://t.co/7NQyfrpDVX

Mailing List