Giancarlo Genise, giudice del muro di All Together Now:
Lunedì 17 Giugno 2019

Giancarlo Genise, giudice del muro di All Together Now: "Giudico con professionalità senza rinunciare al mio modo di essere divertente e divertito"

Cristian Pedrazzini
scarica l'articolo in formato pdf

Giancarlo Genise, giudice del muro di All Together Now
Vocal coach, gestisce dal 2017 la mitica “Casa dei Pooh”, oggi Hoop The Music Circle (speculare di Pooh) dove hanno sede il Q Recording Studio, reparti di produzione, edizioni musicali, discografia e comunicazione nonché la sua attivitá di Vocal Coach. Ama le sfide e con All Together Now si è messo alla prova per giudicare e cantare con l’entusiasmo, la carica e la professionalità che lo contraddistinguono.

Qual è il tuo rapporto con la musica?
Di amore profondo; mia mamma diceva che l’unico modo di farmi smettere di scalciare era quello di farmi ascoltare musica. La musica fa parte di me, prima di diventare Vocal Coach ho cantato e non ricordo un periodo della mia vita che non abbia avuto come compagna la musica.

Dopo diversi programmi in video, da la “Notte vola” con la Cuccarini, “La sai l’ultima”, “Crozza nel paese delle meraviglie”, solo per citarne qualcuno, al dietro le quinte di Sanremo, di Ora o mai più, torni a metterci la faccia. A questo punto della tua carriera, come è arrivato All Together Now?
Ho raccolto la sfida, accettando di fare i casting, mettendomi in gioco come sono abituato a fare. Questo chiedo ai miei allievi grandi o meno grandi che siano, fa parte del mio lavoro.
Non si arriva mai e la possibilità di ributtarsi nella mischia di un “muro” di cento giudici dovendo cantare, ballare e giudicare ha rappresentato per me un ennesimo banco di prova. 

“Un muro che non divide, ma unisce”, così lo ha definito Michelle Huzinger. È stato davvero così? 
Si, complicato ma, certamente, un bel confronto. Sono nate amicizie e sicuramente anche collaborazioni future. Il muro è una chat infinita dove ci scambiamo continuamente opinioni; il nostro luogo di incontro con migliaia di messaggi. Novantanove sfumature in un muro molto variegato fatto di persone tanto diverse tra loro: cantanti, influencer, discografici, Vocal Coach , esperti di moda, radiofonici a creare sinergia e completezza.

Nella tua professione sei molto esigente: come vivi questa esperienza di giudice? 
Con serietà e gogliardia. È il mio lavoro, quindi ho affrontato questo “giudicare” con professionalità senza rinunciare al mio modo di essere divertente e divertito. 

Cosa ti fa alzare (non solo ad All Together Now)?
La voce è corpo, mente, anima. Cerco una voce che sia riconoscibile. Spesso vengono considerati difetti quelli che rendono una voce unica; io al contrario, sono attratto da questi: sono quelli che mi fanno saltare in piedi! Tra l’avere una bella voce per fare il corista e poter fare l’interprete c'è una bella differenza.

Dopo All Together Now, quali sono i tuoi progetti futuri? Tornerai in video?
Lavoro, tanto, come sempre. Sto preparando il primo Campus Vocale che si svolgerà nel 2020: un ambizioso progetto che vedrà 200 ragazzi alla volta, con una full immersion nella musica all’americana, primo esperimento in Italia. Red Canzian sarà il “preside” e con me qualche amico del muro. Non mi dispiacerebbe partecipare ad un talent in cui potessi fare il mio lavoro, o comunque qualcosa che in qualche modo potesse arricchire la mia esperienza legata alla musica.

Qual è il tuo sogno nel cassetto?
Ne ho più di uno. Il primo è quello di cantare con i Pooh, riuniti ancora per una volta. L’altro, quello che coltivo da quando, a sedici anni, ho cominciato a cantare è quello di fare uno spettacolo: uno solo, con un orchestra sinfonica.

Genise

Consigliati da SpettacoliNews

scopri tutto
Lunedì 22 Luglio 2019 ore 23:06:41
Il singolo "Vivere a Colori" di @AmorosoOF conquista il Doppio Disco di Platino
Lunedì 22 Luglio 2019 ore 23:06:00
“Ostia Lido”, il singolo di @jaxofficial che da 2 mesi è saldo in vetta a tutte le classifiche musicali, conquista… https://t.co/Y6assRtTrB

Mailing List