Fuori “Surreale”, il nuovo progetto discografico di J-Ax
Venerdì 27 Agosto 2021

Fuori “Surreale”, il nuovo progetto discografico di J-Ax

Cristian Pedrazzini
scarica l'articolo in formato pdf

J-Ax oggi, venerdì 27 agosto, presenta il suo nuovo progetto discografico “Surreale.

Ordina il CD: https://amzn.to/3ftoDTp 

Ordina il Box (SurreAle contiene SurreAle CD + ReAle CD - Versione Autografata Esclusiva Amazon.it (2 CD)https://amzn.to/3yrjWkt 

Ordina il deluxe (SurreAle contiene SurreAle CD + ReAle CD + LP J-Axonville Autografato (3 CD)https://amzn.to/3AfNsdc 

Ascoltalo su Amazon Music qui.

L’album nasce come re-pack di ReAle (pubblicato a gennaio 2020 e certificato disco di Platino da FIMI GFK) ma fin da subito prende una nuova forma grazie al fiume in piena di creatività del cantautore che, nel periodo di lockdown, sente la necessità di trasformare la mancanza di libertà in un’opportunità per comunicare ancora più intensamente con i suoi fan che da quasi tre decenni lo amano incondizionatamente e fedelmente.

Il progetto “Surreale” da riedizione “standard” diventa un vero e proprio nuovo lavoro discografico composto da 11 tracce di cui fanno parte oltre a 9 brani inediti “Voglio la mamma” e la hit “Salsa” (feat Jake La Furia).

Nell’album Alessandro ospita 4 artisti: il cantautore Ermal Meta (“Un Tera di felicità”), il rocker Francesco Sarcina (“Che classe”), la cantautrice Federica Abbate (“Canzone country”) e il già citato Jake La Furia (“Salsa”) diretti da J-Ax che li porta nel suo mondo con l’intento di non snaturarli ma di coinvolgerli per mostrare un loro aspetto inedito.

In “Surreale” il cantautore milanese traduce come di consueto la sua poliedricità artistica spaziando tra generi ed esprimendo la sua capacità di raccontare e giocare attraverso varie sonorità e ritmi. Se il rap e il rock non possono mai mancare nel suo linguaggio musicale sono tante le incursioni nell’universo del pop, del country, del reggaeton e del soul motown.

La versione fisica del re-pack comprende Reale”, “Surreale” e per veri intenditori appassionati, per festeggiare il traguardo del milione di streaming su Soundcloud, la versione in vinile di “J-Axonville – Uncool and Proud”, album punk rock che l’artista si è autoprodotto con la collaborazione del musicista Marco “The Hammer” Arata e ha distribuito gratuitamente a tutti gli amici.  Un lavoro nato come puro piacere personale e libero da convenzioni del mercato discografico che riflette l’anima più ribelle, dissacrante e meno mainstream del pioniere del rap’n’roll che, in questa versione, si arricchisce di “Sansone”, brano nichilista e politico uscito in anteprima il 5 agosto 2021.

Anche questa volta J-Ax non delude il suo pubblico e pigia l’acceleratore con l’impellente urgenza di raccontarsi nel profondo e di rileggere la realtà attraverso la sua sensibilità artistica.

Da sempre il suo percorso si fonda sulla coerenza, il suo mantra è “non tradirsi mai”. Una coerenza che ha le sue radici nella libertà creativa, perno imprescindibile che da sempre coraggiosamente difende con le unghie e con i denti facendo scelte professionali che sono andate spesso a discapito dei suoi stessi interessi.

L’Ax-pensiero rispecchia l’apologia dell’underdog. Le regole sono: non uniformarsi alla massa, non cedere alla tentazione di omologarsi per evitare di essere discriminati, trasmettere la bellezza della propria unicità e non farsi mai abbattere imparando a rialzarsi più forti di prima.

Durante la strada percorsa nella sua vita e parallelamente nella sua quasi trentennale carriera, a J-Ax è capitato di deviare occasionalmente il suo tragitto ma non ha mai dimenticato la sua main street, il percorso che gli appartiene e che da sempre rende riconoscibile la sua musica e il suo stile inconfondibile.

Un universo in cui convivono da sempre la profonda provincia milanese e la lontana ma altrettanto concreta chimera dell’immaginario pop e culturale degli Stati Uniti d’America.  Un luogo dapprima sognato e poi vissuto in prima persona con l’arrivo dell’amore della sua vita,lasua amatissima moglieElaina,originaria della Florida.

Il mito americano diventa cifra stilistica che si esprime attraverso citazioni che spaziano dalla cinematografia dei B-movie alle serie televisive diventate cult e ai più recenti spin-off, dai fumetti ai cartoni animati, dalle Harley Davidson alla street art, dai videogiochi ai tatoo, in un fil rouge che dai Goonies arriva fino a The Madalorian. Un mix continuo di riferimenti che l’artista utilizza per raccontare la realtà e la stringente attualità con l’animo del cantautore outsider capace di comunicare alla sua fanbase in modo schietto, senza mai autocelebrarsi, senza mai prendersi troppo sul serio e soprattutto senza perdere il contatto con la realtà, la normalità e il valore della semplicità. Messaggi che si fondano sui valori con cui è cresciuto, il rapporto indissolubile con la famiglia, con gli amici e il legame più forte di qualunque altro, quello con suo figlio che ha dato un senso molto più grande alla sua vita.

L’esperienza di diventare papà viene raccontata con intensa lucidità nel toccante pezzo autobiografico “Tutto tua madre”, brano che chiude l’album “ReAle”, pubblicato appena prima del dilagare della pandemia. La successiva esperienza in prima persona del Covid ha dato un significato ancora più profondo al suo ruolo paterno. La paura di lasciare il figlio orfano e la rabbia di sentirsi abbandonato dallo Stato ha portato Alessandro a raccontare il suo vissuto in musica nell’intimo e intenso brano “Voglio la mamma” (uscito a maggio 2021) che -come a completare un cerchio- chiude il re-pack “Surreale”. Anche in questo suo ultimo lavoro, il cantautore utilizza un linguaggio sarcastico e dissacrante per trasmettere attraverso la cosiddetta musica leggera “cose che leggere non sono” come diceva Rino Gaetano, uno degli artisti di riferimento di Ax con cui da sempre condivide l’anima scanzonata e l’amore per il nonsense che cela contenuti profondi e mai scontati.

Tracce “Surreale

"SKIT
Intro in cui si dà voce al tipico hater di questi tempi.
Fun Fact: La voce del pezzo è quella di Alberto Marin, che già aveva prestato la sua voce nel 1994 nello storico album degli Articolo 31 “Messa di vespiri”.
Oh bro / Ma che stai ancora appresso veramente a quel bollito cringe di J-Ax? / Ma la musica è altro cazzo oh”.

"AMO L’ODIO”
Inno al fregarsene di piacere a tutti, un brano su come tramutare le energie negative in energie positive.
Io amo l’odio / Di piacere a tutti che mi frega / Voglio soltanto insulti sulla mia bacheca”.

“SALSA” feat. Jake La Furia
Brano travolgente e ignorante per ballare in spiaggia e ritrovare la normalità di una cena in canottiera e di bere un chupito di troppo.
Aspettiamo solo che ci siamo tutti / Siamo zingari per strada in giro all night long / Questa sera entrano solo quelli brutti / Che al mare non serve il bon ton”.

"SONO UN FAN
Tu non lo diresti ma io sono fan di Gaber / Ma pure delle storie che fa Dj Khaled / Di Umberto Eco, però, io non so una frase / La mia filosofia di base / L’ho presa da guerra stellari con le spade laser”.
Pezzo pop straordinario prodotto da Merk & Kremont. Brano travolgente che racconta J-Ax e tutte le sue passioni, le cose magiche della vita che non necessariamente sono “coerenti” tra loro ma anzi proprio attraverso il contrasto fanno emergere la bellezza dell’unicità di ogni persona. Tantissime citazioni che convivono tra l’alto e il basso, tra la cultura popolare di oggi e quella d’élite di altri tempi, tra le contaminazioni provenienti da tutto il mondo e la nostra inimitabile tradizione italiana. Ma in tutta questa esplosione di riferimenti, ad emergere è l’amore con la A maiuscola, quello che da’ un senso a tutto.
Io sono fan da una vita / Delle scelte sbagliate / Ma non esistevo senza averti qua / Sono sempre stato un tuo grande fan / Io non ci credo sei mia / Per me tu sei la star / Più grande del mondo”.

"TIFO ITALIA
Manifesto dell’amore per l’Italia nonostante -o forse proprio per- tutte le sue contraddizioni, i suoi eccessi e gli stereotipi che la contraddistinguono. Ax paragona il nostro Paese a una mamma che anche se ha mille difetti non si può non amare e da cui è difficile allontanarsi.
Anche se di calcio non so un cazzo / Ai mondiali tifo Italia / Anche se mi picchia e si ubriaca / E’ pur sempre la mia mamma / Anche se mi ha messo l’ignoranza nel biberon / Anche se è una vita che mi manda affanculo / Io non partirò”.

"UN TERA DI FELICITA’feat. Ermal Meta
In un mondo ipertecnologico anche le emozioni e l’intimità diventano virtuali e passano attraverso schermi, tablet e fibra ottica. L’intenso cantautore Ermal Meta mostra la sua ironia in un brano in bilico sul sottile filo del nonsense.
Fai l’amore con una webcam / Usi il cuore solo nelle chat / Voglio un Tera di felicità / Solo un Tera di felicità / Per regalarla a te”.

"STRONZY
Ax ribalta il buonismo del “Ne usciremo tutti migliori” che si è diffuso durante la pandemia. Per lui ne usciremo solo più str… e lo dimostra snocciolando esempi concreti del periodo post Covid, come sempre senza peli sulla lingua.
“Rotti / Altro che migliori e forti / Noi ne usciremo più stronzy / Convinti di essere eroi”.

"CHE CLASSEfeat. Francesco Sarcina
Si stava meglio quando si stava peggio? Ax riflette sul gap generazionale attraverso la sua esperienza di padre in un mondo in cui la ricerca del controllo e della visibilità diventano sempre più ossessivi. Accanto a lui il rocker Francesco Sarcina, che canta una rabbia che chissenefrega se è fuori moda
“Che classe / Noi non abbiamo eroi a parte la Marvel / Voi tutti in fila per un paio di scarpe / Ma noi sappiamo che cos’è il rock and roll”.

"I FILM DI TRUFFAUT
J-Ax disegna un ritratto pulp e provocatorio di se stesso che sfotte “quegli” artisti che ostentano citazioni acculturate e intellettualoidi solo per darsi un tono. Un brano molto diretto, dal testo crudo e maleducato che ricorda a tutti dove può arrivare il lato “scorretto” del cantautore.
“Ho stretto un patto / Con me stesso da ragazzo / Da vecchio di non rompere i coglioni da sopra un palco / Con l’aria da saggio / E il moralismo travestito da coraggio / Ma poi l’ho fatto/ Sarà colpa del colesterolo alto / Testosterone basso / Ma quando rappo / Torno ventenne testa di cazzo / E ho sempre ragione soprattutto quando sbaglio”.

"CANZONE COUNTRYfeat. Federica Abbate
Celebrazione della provincia che riesce ancora a restare genuina in un mondo patinato di apparenze illusorie. Federica Abbate incarna il prototipo della ragazza semplice che ai lustrini e ai locali fashion preferisce un baretto con gli anziani che giocano a carte mentre Ax veste i panni del cowboy.
“Qui vedo maschi depilati, mocassini e risvoltini / Le sopracciglia fatte ad ali di gabbiano / Ma i miei nonni erano contadini / Forse per questo che io ho fatto tanto grano”.

"VOGLIO LA MAMMA”
Brano dedicato al figlio Nickolas dopo la difficile e dolorosa esperienza vissuta da lui e da sua moglie del Covid19.
Ma tu come rispondi / Quando poi lui ti guarda / Con le lacrime agli occhi / E dice voglio la mamma”.

J_AX
J_AX
J_AX
J_AX

Consigliati da SpettacoliNews

scopri tutto

Articoli Correlati

scopri tutto
ore
ore

Mailing List