Emozioni a caldo
Domenica 8 Settembre 2013

Emozioni a caldo

La parola ai protagonisti

La Redazione
scarica l'articolo in formato pdf

Grande emozione per Elena Cotta, 82 anni vincitrice della Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile. E' la coprotagonista di Via Castellana Bandiera di Emma Dante e riesce, a dispetto dell'età, a mantenere il ciglio asciutto e l'ironia pronta. In platea il marito, attore anche lui, Carlo Alighiero invece si commuove quando lei dal palco lo ringrazia e dice al microfono che in questi giorni ha festeggiato le nozze di diamante, 60 anni, e certo non sono da tutti. Ringrazia tutti, regista, produttori, distributori, ''senza di loro non sarei qui e sarebbe stato un peccato'', dice fiera del premio. Il regista greco Alexandros Avranas e il suo attore protagonista, il nonno-orco Themis Panou, sono applauditi per i riconoscimenti al film choc sulla pedofilia e l'incesto Miss Violence - leone d'argento e coppa Volpi maschile - ma non riescono a dire altro. Il terzo film premiato, Jiaoyou (Stray Dogs), Gran premio della giuria porta sul palco Tsai Ming Liang. Belle le sue parole: ''è un film molto lento, sempre più lento, ringrazio la giuria - ha detto il regista il taiwanese-malese - per essersi fermata ad apprezzare il mio film e il pubblico di Venezia che ha rallentato i passi''. Carlo Verdone venuto a consegnare il premio Leone del futuro 'Luigi De Laurentiis' alla migliore opera prima - andato al coraggioso documentario White Shadow di Noaz Desh - sembra emozionato anche lui, gira tra le mani il cartello con scritto i 100 mila dollari che la Filmauro dona a regista e produttore vincenti - si sente ''il signor Bonaventura'' e al regista dice ''sono premi che fanno comodo'' e non resiste a salutare la statuaria madrina Eva Riccobono: ''ti ho lanciata io'', era Grande grosso e Verdone. Resta la curiosità, cosa avrà voluto dire il regista di Eastern Boys, Robin Campillo quando ritirando il premio di Orizzonti per il miglior film lo ha dedicato ''a mio figlio che ha due padri e due madri checche' ne dica la legge''. L'ovazione, standing ovation a Bertolucci, la compassata emozione del timido Uberto Pasolini (premio Orizzonti per la migliore regia), le parole di conferma del presidente della Biennale Paolo Baratta al ''coraggioso'' direttore Alberto Barbera restano nella cerimonia di chiusura di Venezia 70. Assenti i personaggi da struscio di cerimonie, red carpet, dirette televisive e anche i politici: una festa di cinema, ed è meglio così.

Emozioni a caldo

Consigliati da SpettacoliNews

scopri tutto

Articoli Correlati

scopri tutto
Martedì 29 Settembre 2020 ore 00:39:28
🦆🤣 #GFVIP https://t.co/2OMV14Dvt1
Lunedì 28 Settembre 2020 ore 18:38:23
@VStaffelli consegna a Flavio Briatore il primo Tapiro della nuova edizione di Striscia la notizia. Stasera alle 2… https://t.co/3G3Ggv6mfZ

Mailing List