Che disastro di commedia visto al Carcano
Lunedì 7 Maggio 2018

Che disastro di commedia visto al Carcano

Si ride dall'inizio alla fine con questo spettacolo che è una vera macchina del divertimento

Valeria Prina
scarica l'articolo in formato pdf

Con Che disastro di commedia è impossibile non scoppiare a ridere fin dal primo minuto ed è impossibile smettere di ridere. La commedia, ora a Milano al Teatro Carcano, è una vera macchina di risate, che sfrutta ogni meccanismo teatrale. Protagonista della pièce – teatro nel teatro - è una compagnia amatoriale scalcinata, che, annuncia il presentatore, ha al suo attivo opere come Romeo o come Biancaneve e i due nani. Ora hanno trovato un testo questa volta di qualità, un giallo con un omicidio da risolvere. Ed è quello che porteranno in scena. O, almeno, cercheranno di rappresentarlo. Ma… Lo abbiamo capito: questa è una compagnia scalcagnata, per il divertimento degli spettatori.

Non è una comicità fatta di battute o di parolacce (per chi ancora ride per questo), ma, volgarità totalmente assente, tocca proprio tutti i meccanismi del teatro. Un attore nel ruolo del morto? Eppur si muove. I dialoghi? A volte fuori sincro, con le risposte che anticipano le domande. L'attrice si fa male? La sostituisce una addetta al reparto tecnico, che legge il copione cercando disperatamente il punto tra i vari fogli caduti. La scenografia molto ricca, che fin dal primo momento aveva stupito il pubblico? Dà subito segni di cedimento, con pezzi che cadono a terra e tante altre trovate al limite dell'assurdo. E in tutto questo sconquasso gli attori cercano di portare avanti il giallo che stanno rappresentando e che, a sua volta, è sufficientemente intricato. Ed è certo molto difficile fingere che nulla stia succedendo, mentre tutto crolla e ogni momento si rischia di soccombere sotto il peso del soppalco che cade o altri pezzi della scena che cedono. Perché bisogna essere davvero bravi per fingersi incapaci, fingere di sbagliare le battute, pavoneggiarsi, recitare volutamente sopra le righe, senza perdere mai il ritmo, che è davvero forsennato e sempre continuando a far credere al pubblico che si sta davvero rappresentando un giallo.

Qui il disastro diventa davvero divertente, tale da incastrare gli spettatori nel gioco del teatro, non concedendo un attimo di distrazione o di noia, perché in ogni momento succede qualcosa di nuovo e di diverso. Ma è anche una commedia che, oltre a far ridere, e ridere davvero, fa anche intuire come ogni spettacolo sia qualcosa di così delicato che basta un nonnulla per rovinarlo. 

Che disastro di commedia
di Henry Lewis, Jonathan Sayer, Henry Shields
Con Alessandro Marverti, Yaser Mohamed, Marco Zordan, Luca Basile, Viviana Colais, Stefania Autuori, Valerio Di Benedetto
e la partecipazione di Gabriele Pignotta
Regia Mark Bell
Progetto artistico Gianluca Ramazzotti
Scene Nigel Hook riprese da Giulia De Mari - Costumi Roberto Surace ripresi da Francesca Brunoli - Musiche Rob Falconer - Disegno luci Marco Palmieri
Produzione AB Management e Opera Prima
A Milano al Teatro Carcano dal 3 al 13 maggio 2018

Che disastro di commedia visto al Carcano

Consigliati da SpettacoliNews

scopri tutto

Articoli Correlati

scopri tutto
Domenica 22 Luglio 2018 ore 16:29:53
Terzo appuntamento con #TemptationIsland: lunedì 23 luglio, in prima serata, su Canale 5 https://t.co/OCRp1Tr61f https://t.co/lZKVeJ7P8s
Domenica 22 Luglio 2018 ore 16:15:26
@LauraPausini prima donna al Circo Massimo di Roma con le due anteprime del Fatti Sentire Worldwide Tour 2018… https://t.co/tgLbOd8YVY

Mailing List