Casanova Opera Pop di Red Canzian dal 21 gennaio 2022
Giovedì 21 Ottobre 2021

Casanova Opera Pop di Red Canzian dal 21 gennaio 2022

Casanova oltre gli stereotipi protagonista di una grande opera musicale

Valeria Prina
scarica l'articolo in formato pdf

Casanova si innamora. Impossibile? E invece succede in Casanova Opera Pop. Lui è il protagonista della creazione di Red Canzian: non tradizionale, grande filosofo, alchimista, di grande cultura, questo Giacomo Casanova non è solo un seduttore.

Il musical, meglio l’opera pop, come è stata definita, arriva in scena dopo una (quasi) gestazione di una dozzina d’anni, durante i quali quel Casanova tradizionale aveva lasciato molto dubbioso Red Canzian. A convincerlo, facendogli incontrare un personaggio lontano dalla tradizione, è stata la lettura del libro di Matteo Strukul, “Casanova – La sonata dei cuori infranti”. Sono bastate due ore di incontro con lo scrittore - una conversazione in veneto - perché la sinossi dello spettacolo fosse pronta e potesse iniziare la scrittura.

Altra grande protagonista dello spettacolo è Venezia, esaltata sulla scena dalle belle immagini realizzate da Red Canzian stesso, cogliendo della città anche aspetti meno noti, compreso la prigione dei Piombi. Le scene immersive che si vedono in scena per dar vita alla Venezia del 1755 sono il risultato del ritocco col computer, necessario perché questa oggi è «la città con più fili elettrici al mondo». E’ una Venezia raccontata dalle musiche composte da Red Canzian con gli arrangiamenti voluti da Phil Mer, che si è ispirato ai particolari suoni della città lagunare con echi di acqua, gabbiani, passi su pavimenti di legno, cercando di ricreare un unicum sonoro. Chiara Canzian, regista residente e alla direzione dei canti, da parte sua, definisce ogni brano un piccolo gioiello («Bravo papà» aggiunge). Uguale attenzione è stata dedicata alla parte recitata: di un gusto per la parola scelta con cura parla il regista Emanuele Gamba. E cariche di energia e di passione sono le coreografie studiate da Roberto Carrozzino e Martina Nadalini per 10 ballerini scelti tra oltre 600.

E’ anche una Venezia sotto scacco, per come è raccontata nella storia, per le trame della perfida contessa von Steinberg (Manuela Zanier), intenzionata a far annettere Venezia all’impero, anche grazie all’ausilio dell’inquisitore Pietro Garzoni (Gipeto).

A svelare e far fallire l’intrigo ai danni della Serenissima è proprio Casanova, innamorato e salvatore di Venezia, a cui dà vita Gian Marco Schiaretti, che torna per l’occasione in Italia, dopo una lunga permanenza di 11 anni sulle scene estere. Così si consuma la contrapposizione bene-male: l’amore di Giacomo Casanova per la giovanissima Francesca (Angelica Cinquantini, volto familiare della fiction televisiva) e dall’altra parte la contessa e l’inquisitore, stigmatizzato nel suo essere malvagio grazie al brano musicale, che qui si fa inquietante. A questo si contrappone l’amore per Venezia dichiarato da Casanova con un brano in cui Gian Marco Schiaretti trasferisce tutta la sua vibrante emozione: «avete capito perché ho detto che era il Casanova perfetto?» conclude Red Canzian.

E’ anche una contrapposizione che si fa duello: il fidanzato di Francesca (Jacopo Sarno) sfida Casanova a duello. Ed è un momento in cui si sfiora il massimo del realismo, perché Red Canzian, per insegnare ai due attori come muoversi con la spada in mano, ha chiamato il pluricampione Stefano Pantano come maestro spadaccino. E, altro nome famoso, Mino Manara, che già aveva incontrato Casanova con Fellini e il suo film, è stato chiamato a disegnare la locandina dello spettacolo: una immagine che dice amore. E lo dice in un modo molto tenero, secondo un aggettivo che piace molto a Red Canzian per raccontare questo aspetto, che, abbandonato lo stereotipo del seduttore, mostra un Casanova capace di innamorarsi.

Una visione insolita dunque, tanti personaggi in scena per quello che si annuncia un grande spettacolo italiano di teatro musicale, primo ad andare in scena dal 21 gennaio al 13 marzo 2022 per poche date in 6 città. Sono un primo assaggio per molte più repliche nella prossima stagione, quando saranno ancor più numerosi gli spettatori che potranno vedere i 21 performer scelti tra 1700 candidati, 120 costumi, oltre 30 cambi di scena e potranno ascoltare i 35 brani inediti anche raccolti in un doppio album. Una produzione kolossal di Blu Notte (Red Canzian e la moglie Bea), che ha coinvolto anche molte realtà produttive del Veneto.

Nella foto, da sinistra, Red Canzian (autore e produttore), Bea Canzian (produzione), Angelica Cinquantini (Francesca), Gian Marco Schiaretti (Casanova), Chiara Canzian (direzione canti), Phil Mer (arrangiamenti).

Casanova Opera Pop
a Venezia al Teatro Malibran dal 21 al 23 gennaio 2022
a Bergamo al Teatro Creberg il 28 e 29 gennaio
a Udine al Teatro Nuovo Giovanni da Udine dall’1 al 3 febbraio
a Milano al Teatro Arcimboldi dal 9 al 20 febbraio
a Treviso al Teatro Comunale Mario Del Monaco dal 22 al 25 febbraio
a Torino al Teatro Alfieri dall’8 al 13 marzo 2022

Casanova
Casanova
Casanova
ore
ore

Mailing List