Book is a Book is a Book un'esperienza unica
Martedì 25 Febbraio 2020

Book is a Book is a Book un'esperienza unica

Dal Lac a Lugano la creazione di Trickster-p arriva alla Triennale a Milano per 28 spettatori per volta

Valeria Prina
scarica l'articolo in formato pdf

Non sentitevi spettatori: preparatevi a vivere un'esperienza esclusiva con  Book is a Book is a Book di Trickster-p. Questo si può considerare il terzo capitolo del percorso studiato da Cristina Galbiati e Ilija Luginbuhl (nella foto), anche terza coproduzione del Lac di Lugano con la compagnia ticinese e una delle dodici produzioni di Lac Factory, focus che riassume e testimonia il sempre crescente impegno del Lac nei confronti della produzione teatrale. Ma si annuncia molto diverso rispetto a Nettles, precedente creazione di Trickster-p, che aveva debuttato nel 2018 a Lugano e successivamente a Milano in Triennale, pur se si tratta ugualmente di una esperienza performativa, ma senza attori in scena. Questa volta però non è una esperienza da vivere singolarmente, ma in 28 partecipanti, ognuno a un tavolo con davanti un libro dalle caratteristiche insolite: quali è tutto da scoprire, ma è un libro creato apposta e certo non acquistabile. Ognuno è dotato di una cuffia che permette di ascoltare una voce, scoprendo che cosa dice e in che azioni guida. È una esperienza che porta a un contatto diretto con l'oggetto libro, ma ognuno può viverla in modo diverso, arrivando a interrogativi e conclusioni differenti, secondo la personale sensibilità. E’ un lavoro che ha avuto una lunga gestazione: la prima idea risale a due anni fa e corrisponde al desiderio di Cristina Galbiati di lavorare sul libro, un oggetto non tecnologico, che rischia di essere obsoleto e che richiede l’intervento della mano di chi partecipa. Ed è un oggetto fruito da soli, che consente una esperienza immersiva, permettendo di viaggiare nel tempo e nello spazio. Il risultato corrisponde a quella definizione che era stata coniata già per il primo lavoro senza performer: «teatro nella testa», in quanto è qualcosa che succede nella testa dello “spettatore”. «Credo poco agli spettacoli in cui il pubblico è libero di muoversi – commenta Cristina Galbiati -, invece quando ci sono delle regole la mente è più libera». E aggiunge «Non mi interessa fare cose sempre diverse: preferisco “scavare” in modo diverso». Certo come le precedenti creazioni di Trickster-p, anche questa si annuncia come una affascinante esperienza immersiva.

Le caratteristiche di Book is a Book is a Book richiedono la prenotazione, perché a numero chiuso. Realizzato in italiano potrebbe però essere possibile richiedere preventivamente la voce in cuffia in inglese o tedesco.

Dopo il debutto al Lac di Lugano dall’11 al 15 marzo è previsto a Milano in Triennale alla Sala Balena dal 7 al 10 maggio, nell'ambito di Fog, il festival di Performing Arts in programma dal 12 marzo al 4 giugno 2020.

Book is a Book is a Book
creazione Trickster-p
concetto e realizzazione Cristina Galbiati e Ilija Luginbuhl
dramaturg Simona Gonella, collaborazione artistica Yves Regenass
voce italiana e inglese Gabriella Sacco
spazio sonoro Zeno Gabaglio
editing and mixing Lara Persia – Lemura Recording Studio
produzione Trickster–p, LAC Lugano Arte e Cultura
in coproduzione con far° Nyon, Theater Chur, Roxy Birsfelden, Tak Theater Liechtenstein, Blickwechsel – Festival am Puppentheater Magdeburg, FOG Triennale Milano Performing Arts
Durata dello spettacolo: 1h5’
A Lugano in Teatrostudio dall’11 al 15 marzo 2020
A  Milano in Triennale, nell’ambito di FOG Triennale Milano Performings Arts, dal 7 al 10 maggio 2020

book
book

Consigliati da SpettacoliNews

scopri tutto

Articoli Correlati

scopri tutto
Sabato 4 Aprile 2020 ore 12:56:34
Gaia, la vincitrice di #Amici19, racconta la sua #Genesi, il nuovo album disponibile su tutte le piattaforme digita… https://t.co/ToZr45mmwn
Sabato 4 Aprile 2020 ore 11:20:55
Gaia, la vincitrice di #Amici19 🏆👏🎉 @AmiciUfficiale https://t.co/dIKM8Ye5tP

Mailing List