Beyond Vanja visto alla Cavallerizza
Venerdì 27 Novembre 2015

Beyond Vanja visto alla Cavallerizza

Le parole e l’atmosfera di Cechov con la regia di Francesco Leschiera

Valeria Prina
scarica l'articolo in formato pdf

Le foglie sono a terra, a ricostruire l'atmosfera del giardino, ai piedi degli spettatori di Beyond Vanja, seduti su sedie che ricordano le panchine e le seggiole immaginate da Cechov e non manca nemmeno l'altalena. Al centro (anche rispetto al pubblico) una tavola imbandita che, come un gazebo, è circondata da pareti trasparenti. E giustamente la scena di Beyond Vanja, tratto da Zio Vanja con la regia di Francesco Leschiera, rimarrà tale per tutta la durata della pièce, perché sottotitolo dell’opera scritta nel 1897 è «Scene di vita di campagna». E l’evoluzione della campagna, con la progressiva scomparsa degli alberi a favore del nulla, illustrata dal dottore mostrando le mappe a Jelena, che giustamente la regia di Francesco Leschiera non ha compresso, può far pensare al Giardino dei ciliegi, diventando così un omaggio a Cechov.

Sono tanti gli altri particolari cechoviani che si vedranno durante la messa in scena. Si parlerà di tagliatelle - proprio quelle sono citate da Cechov - e ci sarà anche la carta geografica dell'Africa, che, come dice l'autore nella didascalia all'inizio del quarto atto, evidentemente non serve a nessuno. Tutto questo per dire che l'atmosfera è quella immaginata da Cechov, dove i personaggi più che vivere sembrano sopravvivere. Come alla fine dirà la stessa Sonia (l’intensa Sonia Burgarello), immaginando un futuro con dei giorni che scorrono intorno, senza che loro sappiano veramente viverli. «Vivremo una lunga serie di giorni, di serate interminabili - e aggiunge - e quando verrà la nostra ora morremmo rassegnati». E' proprio Sonia che con le sue parole diventa il cardine di tutta la storia, spirito rassegnato dopo che il suo sogno d'amore si è infranto contro la realtà. E in Beyond Vanja è proprio Sonia che riesce a colpire al cuore gli spettatori con la sua storia molto viva, ma anche purtroppo risultato non della realtà ma di un sogno, che lei nel dubbio preferirebbe mantenere tale («E’ meglio non sapere. C’è sempre una speranza»). E appare dunque interessante l'assenza di Seriebriakov, il professore, che è sì il motore (inconsapevole) di tutta la storia, attorno al quale si muovono tutti gli altri personaggi che con lui hanno rapporti, ma, come per lo più i grandi avvenimenti in Cechov avvengono fuori dalla scena, così anche qui di ciò che lo indurrà alla partenza insieme alla giovane moglie Jelena, con relative conseguenze, si sente solo parlare (anche il colpo di pistola, come ne Il gabbiano, non avviene in scena). E c’è il «parassita» e tale può essere considerato il professore, che vive alle spalle della figlia Sonia e di Vania, che di lui dice «è un uomo che da 25 anni insegna e scrive d'arte senza capirci nulla. Da 25 anni insegna e scrive cose che alle persone intelligenti sono arcinote da un pezzo e che a quelle stupide non interessano affatto».

In Beyond Vanja si ritrovano le parole di Cechov, con  qualche aggiunta, ma anche con quel movimento - tutto quel correre lungo le pareti trasparenti - che magari Cechov avrebbe voluto, ma che non ha potuto scrivere perché troppo contrastante con il suo spirito, più propenso a togliere il movimento al pensiero e alla voce. Ma il pubblico in questi anni è cambiato, così Cechov è in scena con le sue parole e con quella atmosfera rarefatta in cui le azioni sembra debbano rimanere occultate, eppur si muove.

 

Beyond Vanja

tratto da Zio Vanja di Anton Cechov - elaborazione drammaturgica Antonello Antinolfi - regia Francesco Leschiera

con Sonia Burgarello, Ettore Di Stasio, Matteo Ippolito, Alessandro Macchi, Giulia Pes

scene e costumi Francesco Leschiera, Alice Manieri, Chiara Bartali - luci Luca Lombardi - elaborazione e scelte musicali Antonello Antinolfi - assistente alla regia Edoardo Visentin - scenografie digitali DORA VISUAL ART - video Alice Francesca Sabbatini /Mentezero - in collaborazione con Manifatture Teatrali Milanesi

a Milano al Teatro Litta, sala La Cavallerizza – MTM 17 - 26 novembre 2015 in Prima nazionale

 

 

Beyond-Vanja
Beyond-Vanja

Consigliati da SpettacoliNews

scopri tutto
Martedì 10 Dicembre 2019 ore 22:56:34
Nel numero in edicola domani di F la conduttrice ilaryblasi, si concede una lunga intervista sulla sua vita dopo Le… https://t.co/FEzlOCN8Gf
Martedì 10 Dicembre 2019 ore 22:45:18
#repost riccardo_guarnieri ・・・ Io ti ho scelto. E ti sceglierò ancora, ancora e ancora. Senza pause e senza dubbi..… https://t.co/5JWdOu1Dck

Mailing List