A Lodi una mostra d'Arte curata da Davide Di Maggio: evento collaterale una performance di Danza e Teatro de
Mercoledì 15 Settembre 2021

A Lodi una mostra d'Arte curata da Davide Di Maggio: evento collaterale una performance di Danza e Teatro de "Il Ramo" tratta dallo spettacolo “Ella Juega Sola” di Frida Kahlo

Domenica 26 settembre alle ore 21, presso l'Associazione 21

Cristian Pedrazzini
scarica l'articolo in formato pdf

L'Associazione 21 di Lodi propone una mostra internazionale dedicata alla pittura e al disegno contemporaneo. 
La collettiva curata da Davide Di Maggio e in collaborazione con la Fondazione Mudima di Milano, vuole essere un primo appuntamento dedicato a questi due media classici dell'arte, destinato a ripetersi ciclicamente nel corso degli anni, così da restituire un'ampia visione planetaria dei linguaggi pittorici attivi.
Nello specifico, questa prima mostra dal titolo MALEN und ZEICHNEN, è stata progettata dal curatore, con uno sguardo profondo, dedicato alla figurazione, qui proposta da una generazione ben precisa di artisti.

Come evento collaterale alla mostra Malen und Zeichnen, domenica 26 settembre alle ore 21, ci sarà una performance di Danza e Teatro a cura della Compagnia della Scuola d’Arte e Spettacolo “Il Ramo” di Lodi, tratta dallo spettacolo Ella Juega Sola di Frida Kahlo - Sogni e delusioni, sensibilità e dolore.

La regia è affidata a Pietro Pignatelli e le coreografie sono di Sabrina Pedrazzini, Gloria Ferrari e Tiziana Vitto. 
Voci recitanti: Katiuscia Spinelli e Francesca Volpe e montaggio video - proiezioni di Mauro Valle

Lo spettacolo è riservato ai soci fino a esaurimento posti.
Per entrare è necessario essere muniti di green pass in corso di validità e di mascherina.
Appuntamento il 26 settembre ore 21 presso l'Associazione 21 di Lodi - Ex fonderia officine GAI in Via San Fereolo 24.

Frida Kahlo mito, simbolo, icona di un Paese, il Messico, e di un movimento, quello femminista.
Un’artista con una storia straordinaria quanto travagliata, che rivive attraverso l'influenza della sua terra, nei suoi dipinti.
Dal rapporto costante con la morte, al folklore insito nella quotidianità fino allo stesso paesaggio fatto di terra e cactus, fiori dai colori vivaci e architetture testimoni di civiltà passate.

«Hanno pensato che fossi una surrealista, ma non lo ero, non ho mai dipinto sogni. Ho dipinto la mia realtà».

Una realtà trasfigurata attraverso la sua immaginazione, la stessa che le ha permesso di disegnare farfalle su di un busto che l'opprimeva. Il suo volto ritratto innumerevoli volte dalla pittrice messicana nei suoi dipinti perché, diceva, «sono la persona che conosco meglio».

kahlo

Consigliati da SpettacoliNews

scopri tutto

Articoli Correlati

scopri tutto
ore
ore

Mailing List